italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

L’Assemblea Nazionale del Poder Popular
L’Assemblea Nazionale (Parlamento unicamerale) sorge dall’elezione popolare effettuata nel 1976, nella quale espresse il proprio voto al primo turno il 95.2 % della popolazione con diritto al suffragio, e il 94.9 % al secondo turno. I deputati eletti, secondo il procedimento stabilito dalla legge, si sono riuniti per la prima volta il 2 dicembre dello stesso anno, rendendo formalmente costituita l’Assemblea.
La Costituzione della Repubblica di Cuba, approvata con un referendum dal 97.7 % degli elettori il 15 febbraio 1976, ha dato, attraverso un plebiscito al quale ha partecipato il 98 % dei votanti, all’Assemblea Nazionale del Poder Popular la categoria di organismo supremo del potere dello Stato, come rappresentante ed espressione della volontà sovrana di tutto il popolo.
Il Parlamento è l’unico organismo nel paese con potestà costituente e legislativa; i suoi deputati sono eletti con un mandato di cinque anni e, tra di loro, vengono eletti il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario e i 31 membri del Consiglio di Stato, il cui Presidente è il Capo dello Stato e del Governo.
Il Consiglio di Stato è responsabile davanti all’Assemblea Nazionale, alla quale deve rendere conto di tutte le sue attività.
Tra le prerogative che vengono attribuite al Parlamento vi è la possibilità di riformare la Costituzione, di approvare, modificare o derogare le leggi, di discutere e ratificare i piani nazionali di sviluppo economico, il bilancio dello Stato, il sistema monetario e creditizio, i lineamenti di politica estera e interna, di eleggere il Consiglio dei Ministri, la Presidenza e i membri del Tribunale Supremo e della Procura della Repubblica.
Esige inoltre il rendiconto da parte di tutte le entità nazionali, politiche o amministrative, e può concedere amnistie. I suoi membri non ricevono privilegi personali o benefici economici come tali, ma svolgono le loro funzioni all’unisono con lo svolgimento dei loro lavori abituali per i quali sono remunerati.
L’Assemblea Nazionale si riunisce in due periodi ordinari di sessioni all’anno, benché in essa siano sempre attive commissioni permanenti che vagliano le diverse questioni che abbiano rilevanza parlamentare.
Tra le altre commissioni permanenti o temporali vi è la supervisione delle Attività globali dell’economia, dell’Agroindustria dello zucchero, della Produzione alimentare, dell’Industria, dei Trasporti e delle Comunicazioni, delle Costruzioni, degli Affari Esteri, della Salute, della Difesa e dell’Ordine Interno.
Sono inoltre effettivi dei dipartimenti permanenti che si occupano degli affari costituzionali e amministrativi come: Supervisione delle commissioni degli Organismi locali del Poder Popular, Relazioni internazionali, Temi giuridici e Amministrazione.
La prima legislatura (che comprende i cinque anni trascorsi dal dicembre 1976 al giugno 1981) ha avuto Blas Roca Calderío eletto Presidente e vi hanno lavorato 481 deputati. Questa legislatura ha avuto nove periodi di sessione ordinari, nelle quali sono state discusse e approvate 34 leggi, adottate 59 decisioni e sono stati ratificati 42 decreti legge emessi dal Consiglio di Stato.
La seconda legislatura, entrata in vigore il 28 dicembre 1981 e conclusa nel 1986, è stata formata da 499 deputati e ha avuto 11 periodi di sessioni, nei quali sono state approvate 25 leggi, 4 regolamenti e ratificati 52 decreti legge emanati dal Consiglio di Stato. Sono state deliberate 165 decisioni e conclusi 112 studi di interesse socio-economico, elaborati dalle commissioni permanenti. Il suo Presidente è stato Flavio Bravo Pardo.
La terza legislatura (dal 1986 al 1993) è stata rappresentata da 510 deputati presieduti da Flavio Bravo Pardo, fino al suo decesso, dopodiché l’incarico è stato assunto dal Vicepresidente Severo Aguirre del Cristo, il quale a sua volta è stato rimpiazzato da Juan Escalona Reguera. Questa legislatura ha svolto un’ampia attività, che è risaltata per l’alto livello di consultazione popolare, la Riforma Costituzionale, approvata nella suo undicesimo periodo di sessioni, e per la Legge Elettorale dell’ottobre 1992.
La quarta legislatura, in vigore dal 15 maggio 1993 e vigente fino al gennaio 1998, ha avuto 589 deputati - dei quali solo 93 erano già presenti in quella precedente - presieduti da Ricardo Alarcón de Quesada. Tra i suoi parlamentari vi erano 134 donne (erano 105 nella prima, 113 nella seconda e 173 nella terza), 274 delegati delle Assemblee Municipali (di base) e un’elevata percentuale di lavoratori legati alla produzione e ai servizi.
Per la quinta legislatura, il 19 ottobre 1997 sono state realizzate nuove elezioni per eleggere gli organismi municipali di governo. Questa è stata la conclusione di un processo preceduto da oltre 35.000 assemblee di nomina dei candidati in tutto il paese, e che è continuato l’11 gennaio 1998 con le elezioni generali, nelle quali è stato rinnovato il Parlamento e i governi provinciali.
A queste elezioni ha votato il 98.35 % degli elettori, con il 95 % di voti validi e il 94.39 % dei votanti ha optato per il "voto unito", vale a dire hanno dato la loro preferenza a tutte le candidature presenti nelle schede, che erano state proposte dalle organizzazioni di massa e dai sindacati e che comprendevano quasi il 50 % dei delegati del Poder Popular che erano stati eletti il 19 ottobre 1997.
In quello che è stato considerato unanimemente una colossale vittoria del popolo cubano rispetto alla sua unità politica, solo il 3.36 % delle schede sono state depositate in bianco mentre l’1.64 % ha dovuto essere annullata. In questo modo dei 7.931.229 elettori che hanno votato, 7.534.008 lo hanno fatto per portare al Parlamento i 601 candidati a deputati e i 1.192 aspiranti a delegati proposti alle assemblee provinciali. Solo il 35.9 % faceva parte della precedente legislatura. Presidente dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular è stato confermato Ricardo Alarcón de Quesada.
La sesta legislatura è stata formata con le elezioni effettuate a livello nazionale il 19 gennaio 2003 e i 609 deputati eletti rimarranno in carica fino a marzo 2008. A queste elezioni hanno partecipato 8.117.151 votanti (su 8.309.336 iscritti), il 97.69 %, con 7.803.898 voti validi. Il "voto unito" è stato espresso a favore del 91.35 % dei candidati. Le schede bianche sono state il 3.00 %, mentre quelle annullate lo 0.86 %. Come Presidente è stato di nuovo confermato Ricardo Alarcón de Quesada, mentre le donne elette hanno rappresentato il 36.4 % del Parlamento cubano